Fito-pillole: Cannabis (2)

28 Mag , 2024 - News

Fito-pillole: Cannabis (2)

Prosegue la nuova rubrica della pagina della Società Italiana di Fitoterapia: Fito-pillole, una raccolta di notizie e articoli scientifici con i più recenti aggiornamenti in alcuni ambiti molto attuali della fitoterapia.

Gli aggiornamenti sulla Cannabis sono a cura del Dottor Crestani, responsabile del Gruppo di Lavoro sulla Cannabis medicinale.

Non perderti le precedenti Fito-pillole!

Cannabis (1)

Sondaggio polacco sul CBD: miglioramenti autoriferiti

Un campione autoselezionato (n = 267) di attuali o ex consumatori di CBD è stato reclutato tramite i social media e ha partecipato a un sondaggio online progettato per raccogliere dati su dati demografici di base, stato di salute, uso di cannabis e modelli di utilizzo del CBD. Il 25,8% riferiva disturbi psichiatrici diagnosticati e il 49,4% riferiva uso di cannabis. 

I cinque motivi principali per utilizzare il CBD sono stati lo stress auto-riferito (65,3%), i problemi del sonno (51,7%), il miglioramento generale del benessere (52,5%), il miglioramento dell’umore (44,9%) e il sollievo dall’ansia (40,9%). I risultati suggeriscono che gli individui con disturbi psichiatrici e quelli che assumono farmaci psicotropi hanno maggiori probabilità di utilizzare il CBD per alleviare lo stress e l’ansia. 

Nel complesso, quasi il 70% delle persone ritiene che i prodotti CBD siano efficaci. La somministrazione sublinguale era più popolare tra i non consumatori di cannabis, mentre i consumatori di cannabis preferivano fumare e vaporizzare.

Sondaggio: nessuna relazione fra varietà diverse ed efficacia

Questo è il primo grande studio (1028 rispondenti al sondaggio) che esplora l’efficacia e la tollerabilità di diversi ceppi (varietà) di cannabis prescritti dai medici in Germania. In questo studio non si è riusciti a dimostrare alcuna relazione tra i ceppi di cannabis medica MC e l’efficacia in indicazioni specifiche. I partecipanti hanno potuto scegliere tra 48 diverse condizioni (raggruppate in 10 categorie) per le quali era stata utilizzata MC. Quando è stato chiesto quali fossero le condizioni per le quali la MC era mai stata utilizzata, sono state contrassegnate 45 condizioni, mentre attualmente la MC è stata utilizzata per il trattamento di 40 disturbi diversi. Pertanto, a differenza degli studi più recenti, in questo studio sono stati inclusi partecipanti con uno spettro estremamente ampio di disturbi.

In linea con gli studi più recenti, si è scoperto che in Germania nel 2020, la MC è più comunemente prescritta per diverse condizioni di dolore, seguita da disturbi psichiatrici e neurologici. Tuttavia, se si considerano le diagnosi specifiche secondo l’ICD-10, l’ADHD è la condizione attuale più comune per la MC, seguita da diverse condizioni di dolore (dolore muscoloscheletrico, dolore cronico con fattori somatici e psicologici, emicrania e altre forme di mal di testa e dolore neuropatico), tre ulteriori disturbi psichiatrici (PTSD, depressione e disturbi del sonno) e RLS. 

Questo risultato è ancora più notevole in quanto il database – e rispettivamente le linee guida e le raccomandazioni terapeutiche – per queste diverse indicazioni differiscono ampiamente. Sebbene sia noto che un gran numero di pazienti con ADHD si automedicano con la cannabis, il database è debole e finora è stato eseguito solo un piccolo studio controllato. Di conseguenza, la maggior parte degli esperti non consiglia la CBM per il trattamento dell’ADHD. Una situazione simile può essere riscontrata in tutte le altre indicazioni psichiatriche comunemente indicate. 

Al contrario, nel dolore cronico sono stati condotti diversi studi randomizzati e controllati che dimostrano chiaramente l’efficacia del CBM in diverse condizioni di dolore. Rispetto ai ceppi MC più frequentemente utilizzati, sette degli otto ceppi prescritti “frequentemente” erano a predominanza di THC, con un contenuto di THC compreso tra il 16 e il 22%. Questo risultato è in linea con le segnalazioni dei pazienti e gli studi clinici. 

Di gran lunga, il fiore di cannabis più comunemente prescritto era Bedrocan . Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che Bedrocan è stato il primo fiore di cannabis a predominanza di THC a essere reso disponibile per l’uso legale per scopi medicinali in Germania (nel 2007) e che i colli di bottiglia nella fornitura si sono verificati meno frequentemente rispetto alla maggior parte degli altri prodotti. Bedrocan è quindi ben radicato nel mercato tedesco. In alternativa, si può ipotizzare che l’efficacia e la tollerabilità di Bedrocan siano effettivamente superiori rispetto ad altri ceppi a predominanza di THC con un rapporto THC:CBD simile, il che potrebbe essere correlato al tipo specifico e al profilo terpenico. I terpeni predominanti in questa varietà sativa sono il β-mircene, il terpinolene e il cis-ocimene. 

Tuttavia, in un altro ampio studio comprendente 2.032 pazienti con diverse sindromi dolorose, al contrario, il ceppo ibrido OG Shark contenente prevalentemente i terpeni β-cariofillene e β-mircene era quello preferito, mentre secondo un sondaggio web, C. indica è stato preferito per il controllo del dolore. 

Sulla base di questi dati, sembra improbabile che il tipo di MC (sativa , indica o ibrido) o il profilo terpenico influenzi l’efficacia poiché, in generale, il β-mircene è il terpene più diffuso in MC. Allo stesso modo, sembra improbabile che il gusto e l’odore abbiano avuto un impatto rilevante, dal momento che la maggior parte dei partecipanti ha valutato il gusto e l’odore come buoni o molto buoni.

Disturbo post-traumatico da stress e depressione associata

Il disturbo da stress post-traumatico è spesso in comorbilità con la depressione maggiore e poco si sa sul fatto se la comorbidità della depressione alteri l’efficacia della cannabis medica. Erano disponibili dati per 238 persone con disturbo da stress post-traumatico in cerca di trattamento con cannabis e per 116 di questi erano disponibili dati di follow-up a 3 mesi. 

Ne è risultato che la depressione è comune tra gli individui che cercano cannabis medica per trattare il disturbo da stress post-traumatico ed è associata a una maggiore gravità dei sintomi e a una peggiore qualità della vita. L’efficacia dei cannabinoidi nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico non sembra essere compromessa nelle persone con comorbidità depressiva.

Dermatite nel Parkinson: mancanza di effetti in uno studio controllato

La dermatite seborroica (SD) colpisce il 18,6%-59% delle persone con malattia di Parkinson (PD) e studi recenti forniscono prove che la terapia orale con cannabidiolo (CBD) potrebbe ridurre la produzione di sebo oltre a migliorare i sintomi motori e psichiatrici nella malattia di Parkinson. Pertanto, il CBD orale potrebbe essere utile per migliorare i sintomi di entrambe le condizioni comunemente concomitanti. Un totale di 27 partecipanti ha ricevuto un placebo e 26 hanno ricevuto CBD per 16 giorni. Questo studio non fornisce prove concrete che la terapia orale con CBD riduca la presenza di SD tra i pazienti con PD, anche se a detta degli stessi autori la ricerca era sottodimensionata per rilevare cambiamenti.


, , ,

Comments are closed.