Fito-pillole: Cannabis (1)

28 Mag , 2024 - News

Fito-pillole: Cannabis (1)

Diamo inizio alla nuova rubrica della pagina della Società Italiana di Fitoterapia: Fito-pillole, una raccolta di notizie e articoli scientifici con i più recenti aggiornamenti in alcuni ambiti molto attuali della fitoterapia.

Gli aggiornamenti sulla Cannabis sono a cura del Dottor Crestani, responsabile del Gruppo di Lavoro sulla Cannabis medicinale.

Cannabis e qualità della vita

Questa ricerca svolta in Pennsylvania esamina gli effetti della cannabis medica sulla qualità della vita. Lo studio ha coinvolto 103 partecipanti che utilizzavano cannabis medica per vari problemi di salute. Hanno risposto a quattro sondaggi nell’arco di 90 giorni, riferendo le loro esperienze con la pianta e il loro benessere. I risultati hanno mostrato che molti partecipanti hanno sperimentato miglioramenti nel loro funzionamento fisico e sociale, nei livelli di energia e nel benessere emotivo entro i primi 30-60 giorni dall’uso. 

È interessante notare che lo studio ha scoperto che la frequenza con cui qualcuno usa cannabis medica potrebbe influire sulla sua salute generale: coloro che lo utilizzavano una volta al giorno tendevano ad avere punteggi di salute generale migliori rispetto a coloro che lo utilizzavano più frequentemente. Ciò suggerisce che potrebbe esserci una frequenza ottimale per la somministrazione e che un dosaggio moderato potrebbe essere più favorevole alla salute generale, mentre frequenze più elevate potrebbero non fornire ulteriori benefici. Anche il consumo di alcol sembra avere un impatto: le persone che usavano sia alcol che cannabis medica avevano livelli di energia e benessere emotivo più bassi, suggerendo che la combinazione potrebbe non essere l’ideale. 

Lo studio ha anche esaminato il modo in cui le persone consumavano cannabis medica, inalandola o usandola come fiore, e ha riscontrato differenze nel consumo di THC e nel benessere emotivo. Tosse, secchezza delle fauci e aumento della fame sono stati gli effetti collaterali più frequentemente riportati, in linea con la letteratura precedente e riflettono i ben noti effetti acuti. Tuttavia, lo studio presentava alcune limitazioni, come fare affidamento su dati auto-riferiti e avere un campione di piccole dimensioni. Ciononostante, fornisce preziose informazioni su come la cannabis medica può influenzare la vita delle persone e sottolinea la necessità di approcci personalizzati al suo utilizzo.

Il limonene riduce l’ansia da cannabis

La cannabis contiene centinaia di costituenti chimici oltre al delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), che si ritiene sia responsabile della maggior parte dei suoi effetti farmacodinamici acuti. La teoria dell’effetto entourage afferma che i costituenti diversi dal THC possono avere un impatto sugli effetti acuti della cannabis, ma pochi studi empirici hanno valutato sistematicamente questa teoria negli esseri umani. Questo studio ha valutato se il terpenoide della cannabis d-limonene mitiga gli effetti ansiogeni acuti del THC. Il limonene è una sostanza presente in varie piante, oltre che nella cannabis; si trova ad esempio abbondante negli agrumi, e contribuisce a darne il profumo.

Venti adulti sani hanno completato nove sessioni ambulatoriali in doppio cieco in cui hanno inalato solo THC vaporizzato (15 mg o 30 mg), d-limonene da solo (1 mg o 5 mg), le stesse dosi di THC e d-limonene insieme o placebo; un sottogruppo di partecipanti (n=12) ha completato una decima sessione in cui sono stati somministrati 30 mg di THC + 15 mg di d-limonene. I risultati includevano effetti soggettivi del farmaco, prestazioni cognitive/psicomotorie, segni vitali e concentrazioni plasmatiche di THC e d-limonene.

Quando il d-limonene è stato somministrato da solo, i risultati farmacodinamici non differivano dal placebo. La sola somministrazione di 15 mg e 30 mg di THC ha prodotto effetti soggettivi, cognitivi e fisiologici tipici dell’esposizione acuta alla cannabis. Le valutazioni degli effetti soggettivi simili all’ansia sono diminuite qualitativamente all’aumentare della dose di d-limonene e la somministrazione concomitante di 30 mg di THC + 15 mg di d-limonene ha ridotto significativamente le valutazioni di “ansioso/nervoso” e “paranoico” rispetto a 30 mg di THC da solo. Altri effetti farmacodinamici sono rimasti invariati con il d-limonene. 

Effetti psicologici di una cannabis ad alto CBD: studio controllato

Questo studio randomizzato, intra-soggetti, in doppio cieco, controllato con placebo, crossover ha esaminato gli effetti della somministrazione acuta e sublinguale di un farmaco CBD:THC 20:1 (CannEpil®) su adulti sani. È stato osservato che CannEpil compromette aspetti selettivi della memoria di lavoro visuo-spaziale e del riconoscimento di schemi.

Tuttavia, l’affettività soggettiva e lo stato dell’umore sono rimasti sostanzialmente invariati, ad eccezione dei noti aumenti di contentezza e sedazione. Curiosamente, i livelli plasmatici di CBD e THC non erano correlati con i cambiamenti neurocognitivi o soggettivi osservati, suggerendo un’interazione complessa che non è direttamente correlata alle concentrazioni sistemiche di questi composti. Più specificamente, il consumo di CannEpil era legato ad una maggiore frequenza di errori nel compito di intervallo spaziale, indicativo di una ridotta capacità di memorizzare e recuperare informazioni spaziali.

Dopo la somministrazione di CannEpil, è stato osservato un calo dell’efficienza complessiva e un aumento della latenza, in particolare nel tempo necessario per fornire risposte corrette nei compiti di memoria di riconoscimento visivo ritardato. È interessante notare che questo effetto non era evidente nei compiti che coinvolgevano la memoria di riconoscimento visivo immediato. Questo modello suggerisce un potenziale deterioramento nella codifica, nell’archiviazione e nel recupero delle informazioni visive dopo un ritardo.

Nessun effetto sul Parkinson con cannabis ad alto CBD in uno studio controllato

In uno studio svolto in Colorado su 61 pazienti, è stata somministrata una soluzione orale di olio di sesamo con estratto di cannabis (National Institute of Drug Abuse) per 2 settimane, aumentando fino alla dose finale. di 2,5 mg/kg/giorno. La breve durata e la forte risposta al placebo limitano l’interpretazione degli effetti, ma non c’è stato alcun beneficio, forse un peggioramento delle funzioni cognitive e del sonno, e si sono verificati molti eventi avversi lievi.


, , ,

Comments are closed.